Definizione di Ministro ai sensi dei regolamenti

I regolamenti ai sensi dei Sec. 107 e 1402 forniscono linee guida per determinare chi si qualifica come ministro. Entrambe le sezioni affermano che un ministro si distingue per le funzioni che svolge., La normativa stabilisce che le funzioni di un ministro include

il ministero di funzioni sacerdotali e la condotta del culto religioso, e il comando, la condotta e la manutenzione delle organizzazioni religiose (tra cui il religioso commissioni, associazioni, e altri integrale agenzie di tali organizzazioni), sotto l’autorità di un ente religioso che costituisca una chiesa o chiesa denominazione.2

Regs. Sec. 1.107-1 (a) fornisce una definizione simile., I compiti di un ministro

includono l’esecuzione di funzioni sacerdotali, la conduzione del culto religioso, l’amministrazione e il mantenimento delle organizzazioni religiose e dei loro organismi integrali, e l’esecuzione di compiti di insegnamento e amministrativi nei seminari teologici.

Le definizioni di cui sopra identificano le seguenti categorie di persone che si qualificano come ministri:

  • Coloro che ricoprono ruoli ecclesiastici tradizionali (ad es.,, sacerdoti, pastori, rabbini) che in genere svolgono funzioni sacerdotali e conducono il culto;
  • Coloro che lavorano per organizzazioni secolari nella misura in cui svolgono funzioni sacerdotali e conducono il culto;
  • Coloro che controllano e mantengono le organizzazioni religiose a livello di chiesa o denominazione locale; e
  • Insegnanti e amministratori nei seminari.,

Due questioni chiave sorgono nella definizione di coloro che si qualificano come ministri: se il loro servizio è condotto sotto l’autorità di una chiesa o di una denominazione e se i loro doveri sono compresi dai regolamenti di cui sopra. Quelli sotto il controllo di una chiesa o di una denominazione i cui doveri predominanti sono specificati nei regolamenti hanno le posizioni più forti.

La più cruciale delle due questioni sono le funzioni svolte dal ministro. Gli individui che svolgono funzioni di ministro al di fuori degli auspici di una chiesa o di una denominazione possono qualificarsi come ministri in base ai doveri svolti., Per esempio, i cappellani impiegati da organizzazioni secolari si sono qualificati con successo come ministri perché hanno condotto il culto e amministrato i sacramenti.3

Reg. Sec. 1.1402 (c) -5 fornisce i seguenti esempi che aiutano a identificare quelli al di fuori dei ruoli di ministro tradizionali che si qualificano come ministri. In questi esempi, o i doveri specifici del ministro o l’assegnazione di doveri da parte dell’organizzazione religiosa determinano se la persona si qualifica come ministro.,

  • Un cappellano ordinato in un’università che insegna una classe di religione, fornisce consulenza spirituale e conduce servizi di culto è considerato un ministro. 4 In questo esempio, i doveri del cappellano lo qualificano come ministro anche se non lavora presso un’organizzazione religiosa.
  • Una persona svolge le funzioni di un ministro mentre conduce il culto religioso e svolge funzioni sacerdotali anche se altri impieghi non sono legati al ministero.5 In effetti, una persona può avere due carriere contemporaneamente, una come ministro e un’altra in una posizione laica.,
  • Un ministro ordinato che dirige un’agenzia della denominazione si qualifica come ministro.6
  • Un ministro ordinato incaricato dalla sua denominazione di consigliare una società nella pubblicazione di un libro sulla denominazione è considerato un ministro.7

Negli ultimi due esempi, i contribuenti sono ministri basati principalmente sulla loro condotta e sul mantenimento di una denominazione, non perché i loro compiti quotidiani siano quelli di un tipico ministro.,

IRS e determinazioni giudiziarie

Gli esempi sopra riportati dai regolamenti nonostante, coloro che svolgono compiti al di fuori dei ruoli ministeriali tradizionali hanno un momento più difficile qualificarsi come ministri. Questo problema è venuto in casi giudiziari e sentenze IRS che coinvolgono dipendenti in organizzazioni religiose e laiche. Questa sezione riassume come il Giudice tributario ha interpretato la definizione di un ministro.

Dipendenti delle Chiese

Una pletora di casi giudiziari ha applicato i regolamenti a varie situazioni per determinare chi soddisfa la definizione di un ministro., La maggior parte di questi casi riguarda se i dipendenti delle chiese locali sono ministri.

Il Tribunale Tributario ha fornito quella che è probabilmente l’analisi più ampiamente citata e utile della legge in Knight.8 Cavaliere non è stato ordinato e non poteva amministrare i sacramenti. Tuttavia, ha condotto il culto, è stato concesso in licenza, ed è stato considerato un leader spirituale nella sua chiesa. La corte ha ritenuto che Knight qualificato come ministro, applicando un test a cinque fattori inizialmente stabilito a Wingo.,9 In quel caso, il Giudice tributario stabilito i seguenti attributi e doveri di un ministro:

  • È ordinato, commissionato, o concessi in licenza;
  • È riconosciuto dall’ente religioso come un leader spirituale;
  • Effettua il culto religioso;
  • Amministra sacramenti;
  • È coinvolto nel controllo, la conduzione, o la manutenzione di un’organizzazione religiosa.

In Knight, la corte ha dichiarato che il primo fattore deve essere soddisfatto e gli altri fattori devono essere soppesati rispetto ai fatti e alle circostanze di ciascun contribuente per determinare., La decisione del Cavaliere è particolarmente influente perché è il caso più recente su questo tema deciso dal Tribunale fiscale completo. Inoltre, IRS audit linee guida citano questa decisione, riferendosi quei ministri di revisione torna a questi cinque fattori.10

La guida fornita in Knight è ancora più importante date due recenti mosse da parte dell’IRS. In primo luogo, l’IRS non fornisce più una definizione di ministro nell’ultima edizione della sua Guida fiscale per le chiese e le organizzazioni religiose.,11 In secondo luogo, l’IRS ha dichiarato che non emetterà più sentenze di lettere private che affrontano la questione se un contribuente soddisfa la definizione di un ministro.12 Mancando di guida IRS, i ministri ei loro datori di lavoro devono fare affidamento su interpretazioni giudiziarie per determinare coloro che si qualificano come ministri.

Le successive decisioni del tribunale fiscale hanno misurato i fatti di ciascun caso contro i cinque fattori di Wingo., Ad esempio,in Haimowitz, 13 il contribuente non ha soddisfatto la definizione di ministro perché non è stato ordinato, commissionato o autorizzato nella fede ebraica, e le sue funzioni erano principalmente amministrative. Haimowitz non è riuscito a soddisfare nessuno dei cinque fattori. In Brannon, 14 il tribunale fiscale ha stabilito che il contribuente ha soddisfatto la definizione di un ministro perché ha incontrato quattro dei cinque fattori specificati in Wingo. Egli è stato autorizzato, culto condotto, presieduto le funzioni sacerdotali del battesimo, comunione, e il matrimonio, ed è stato assegnato a controllare e mantenere la Chiesa Trinity-Weoka.,

La maggior parte dei ministri lavora per le chiese locali, e molte decisioni giudiziarie riguardano se i dipendenti della chiesa si qualificano come ministri. Ci sono meno decisioni che forniscono indicazioni sul fatto che quelli impiegati da organizzazioni affiliate alla chiesa si qualifichino come ministri. La sezione successiva si basa pesantemente sulla guida IRS per fornire parametri che determinano come quelli impiegati da queste organizzazioni possono qualificarsi come ministri.

Dipendenti di organizzazioni affiliate alla Chiesa

Sotto Regs. Sec. 1.107-1 (a), gli amministratori ordinati e gli insegnanti nei seminari si qualificano come ministri., L’IRS ha preso un’interpretazione ristretta di questo regolamento. L’istituzione educativa deve essere parte integrante di una chiesa o di una denominazione. Pertanto, i docenti e gli amministratori dei seminari interdenominazionali non sono ministri perché i seminari non sono controllati da una specifica chiesa o denominazione.15

Il controllo da parte di una chiesa o di una denominazione deve essere evidente. A Colbert, 16 un professore di religione in un college affiliato alla chiesa è stato negato un assegno di alloggio perché non c’era alcuna prova che una chiesa esercitasse il controllo sulla scuola., Il controllo della chiesa era anche una questione chiave nella sentenza 9144047.17 In questa sentenza, quattro professori di religione ordinati in un college cristiano si qualificavano come ministri e avevano diritto a un’indennità di alloggio. L’IRS ha stabilito che la chiesa controllava il collegio perché è stato fondato e parzialmente finanziato dalla chiesa e controllato da un consiglio di fondazione, la maggior parte dei quali la chiesa ha selezionato.

Anche gli insegnanti e gli amministratori delle scuole elementari e secondarie hanno tentato di qualificarsi come ministri., La mancanza di controllo da parte di una chiesa o di una denominazione impedisce a questi individui di qualificarsi anche se la scuola ha uno scopo religioso.18 Anche quelli impiegati nelle scuole controllate dalla Chiesa non possono qualificarsi come ministri se non sono ordinati o commissionati e i loro compiti sono indistinguibili da quelli dei dipendenti delle scuole secolari.19

Data l’interpretazione IRS di Regs. Sec. 1.107-1(a), seminari e collegi religiosi dovrebbero esaminare attentamente le loro circostanze per garantire che i dipendenti soddisfano i parametri IRS prima di trattarli come ministri., Gli insegnanti delle scuole elementari e secondarie sarebbero qualificati come ministri solo in circostanze insolite. Ad esempio, un rabbino ordinato in una scuola controllata da una sinagoga locale che insegna lezioni di religione, conduce servizi di culto e prepara gli studenti per la vita ebraica adulta potrebbe qualificarsi come ministro.20

I dipendenti di organizzazioni non religiose

Coloro che lavorano fuori dalle chiese hanno un momento più difficile da qualificare come ministri. Tuttavia, i regolamenti forniscono margine di manovra per alcuni individui a qualificarsi., La determinazione dipende dai doveri svolti e dall’affiliazione con un’organizzazione religiosa, con i doveri svolti che sono il fattore più importante. Gli individui in questa categoria includono cappellani in carceri e ospedali e quelli impiegati da organizzazioni parachurch.21

I cappellani che lavorano per organizzazioni non religiose che conducono il culto e svolgono funzioni sacerdotali si sono qualificati con successo come ministri. L’esecuzione di queste due funzioni è il fattore chiave nei seguenti casi e sentenze.,

In Boyd,22 il contribuente era un cappellano impiegato dal Dipartimento di polizia di Indianapolis. L’IRS ha ammesso che ha svolto le funzioni di un ministro. Tuttavia, ha avuto problemi con il suo impiego al di fuori di un’organizzazione religiosa. La corte si pronunciò a favore di Boyd perché svolgeva le funzioni di un ministro sotto la stretta supervisione di una federazione di chiese, fornendo un collegamento con un’organizzazione religiosa.

Le sentenze dell’IRS che riguardano se i cappellani si qualificano come ministri sono relativamente vecchie. Questo limita il loro valore, dal momento che è probabile che la prospettiva IRS è cambiato. Rev. Rul., 71-25823 ha dichiarato che i cappellani negli ospedali di proprietà del governo e negli ospedali privati senza scopo di lucro erano ministri perché conducevano il culto e eseguivano i sacramenti (battesimi, matrimoni, funerali e preghiere per gli ammalati).

Tre sentenze della lettera IRS hanno anche affermato che i cappellani erano ministri. Solo i contribuenti che hanno richiesto queste sentenze possono contare su di loro, ma rivelano IRS ragionamento. Un aspetto negativo di queste sentenze è che sono state emesse più di 20 anni fa.

Un cappellano per un Dipartimento di Stato dei Servizi umani è stato ritenuto un ministro in base alle funzioni svolte.,24 Un cappellano per un ospedale senza scopo di lucro, nonchurch-related era un ministro perché ha condotto il culto, sacramenti eseguiti, e ha fornito consulenza ai pazienti, i loro parenti, e il personale ospedaliero.25

Lettera Sentenza 851900426 è la più recente delle tre sentenze e fornisce un insieme ancora più forte di fatti per il contribuente. Il cappellano svolgeva funzioni sacerdotali e lavorava per un’organizzazione fondata e finanziata dalle chiese locali allo scopo di fornire cappellani agli ospedali locali. Pertanto, il cappellano svolgeva compiti di ministro ed era sotto il controllo delle chiese locali.,

I dipendenti delle organizzazioni parachurch devono affrontare la sfida di qualificarsi come ministri secondo le stesse regole di quelli impiegati dalle chiese. I ministri che hanno ricevuto sentenze favorevoli sono riusciti a produrre prove della loro connessione con le chiese locali.

Una decisione del Tribunale fiscale del 1994 ha considerato la situazione di due ministri battisti che hanno istituito un’organizzazione per promuovere le missioni mondiali.27 L’organizzazione ha svolto la sua missione producendo videocassette per le chiese locali, e i contribuenti erano le persone chiave nel processo di produzione., La corte ha ritenuto che questa produzione e distribuzione di video ha sostenuto la causa delle missioni all’estero, una funzione sacerdotale all’interno della fede battista. Anche se i contribuenti non erano affiliati con qualsiasi chiesa locale, i nastri che hanno prodotto sono stati utilizzati da oltre 30.000 chiese. Questa era la prova di una connessione con le chiese locali.

In una decisione più recente, un ministro ordinato che lavora per un’organizzazione evangelica si è qualificato come ministro. L’organizzazione ha prodotto letteratura religiosa e programmi televisivi e ha condotto crociate., L’IRS ha negato l’indennità di alloggio del ministro perché non lavorava per una chiesa o una denominazione. Nel schierarsi con il contribuente, il Tribunale fiscale ha visto i seguaci dell’organizzazione come un “corpo di credenti” simile a una chiesa. Erano leali all’organizzazione e partecipavano costantemente ai suoi servizi di culto e alle sue crociate.28

Indipendentemente dalla loro sede di servizio, i contribuenti che cercano di qualificarsi come ministri devono stabilire che svolgono le funzioni di un ministro come descritto nei regolamenti., Hanno una posizione più forte se possono dimostrare di svolgere i loro compiti in associazione con una denominazione o una chiesa locale. I dipendenti di chiese, organizzazioni affiliate alla chiesa e organizzazioni secolari che si qualificano come ministri sono soggetti ai benefici e ai requisiti descritti nella sezione successiva.

Regole fiscali uniche per i ministri

Coloro che soddisfano la definizione di ministro affrontano un insieme unico di regole fiscali in tre aree., I ministri sono:

  • Ammissibili per l’indennità di alloggio e l’esclusione canonica;
  • Considerati lavoratori autonomi ai fini fiscali di sicurezza sociale; e
  • Esenti dalla ritenuta fiscale federale sul reddito.

I ministri che forniscono consulenza dovrebbero avere familiarità con l’applicazione del diritto fiscale in questi settori.

Indennità di alloggio/canonica

Sec.107 prevede un’esclusione dal reddito lordo nella misura in cui il datore di lavoro di un ministro paga le sue spese di alloggio., Il datore di lavoro può fornire alloggi pagando le spese di alloggio (canonica) o fornendo denaro che il ministro utilizza per pagare tali costi (indennità di alloggio). Le spese di alloggio includono affitto, pagamenti ipotecari (capitale e interessi), utenze, manutenzione, assicurazione e arredamento.

Questa esclusione è il beneficio più attraente disponibile per i ministri perché i costi degli alloggi rappresentano un’alta percentuale del reddito. La maggior parte delle leggi fiscali sul reddito dello stato consentono anche un’esclusione, aumentando il risparmio fiscale. La maggior parte delle sentenze e della giurisprudenza relative ai ministri riguardano la rivendicazione di questa esclusione.,

Il datore di lavoro deve designare in anticipo l’importo dell’indennità di alloggio. È limitato al minore tra:

  • L’importo designato dal datore di lavoro;
  • Il giusto valore locativo della residenza; o
  • Le spese effettive sostenute.

L’organo di governo del datore di lavoro dovrebbe approvare l’importo dell’indennità di alloggio prima di quando il ministro lo guadagna., Per garantire il rispetto di questa scadenza, una discussione con il ministro e gli amministratori dell’organizzazione dovrebbe iniziare entro ottobre di ogni anno in modo che l’organizzazione possa designare una stima appropriata dell’indennità. Il ministro dovrebbe prendere l’iniziativa, utilizzando le spese effettive fino al 30 settembre dell’anno in corso per proiettare le spese per l’anno successivo. Utilizzando questa prova, l’organo di governo può designare un’indennità che approssima le spese effettive del ministro senza superare il limite del valore equo locativo.

Nel 2002, il Congresso ha modificato il Sec., 107 di dichiarare esplicitamente che l’importo escluso come indennità di alloggio non può superare il giusto valore locativo della residenza più il costo delle utenze.29 Questo limite superiore all’importo dell’indennità di alloggio può essere stimato utilizzando Internet o fonti di stampa che documentano i valori locativi locali. Il consulente fiscale del ministro dovrebbe conservare questa documentazione se l’indennità di alloggio richiesta si avvicina a questo limite.,

Status di lavoratori autonomi

I ministri sono lavoratori autonomi ai fini fiscali di sicurezza sociale rispetto ai loro servizi ministeriali, anche se la maggior parte sono trattati come dipendenti ai fini dell’imposta federale sul reddito. L’imposta sul lavoro autonomo è valutata sulla compensazione imponibile e sull’indennità di alloggio non tassabile/canonica. Il tasso di imposta sul lavoro autonomo del 15,3% rappresenta una sfida per i nuovi ministri che sono abituati a pagare la metà di questo tasso nei lavori secolari. Trimestrali pagamenti fiscali stimati sono in genere necessari per garantire che il ministro ha pagato una quantità adeguata di imposta durante tutto l’anno., Il ministro può anche aumentare la sua ritenuta sulla compensazione imponibile per soddisfare i requisiti di pagamento delle imposte stimati.

I ministri possono chiedere l’esenzione dalle tasse sul lavoro autonomo scegliendo di essere esclusi dal sistema di sicurezza sociale.30 Nel richiedere l’esenzione, il ministro dichiara la sua opposizione all’accettazione dei pagamenti di assicurazione pubblica per invalidità, morte, pensione o assistenza medica sulla base di convinzioni religiose. Si noti che il ministro si oppone alla ricezione di benefici da un sistema di assicurazione pubblica, non il pagamento delle tasse di lavoro autonomo., Molti potrebbero obiettare al finanziamento e all’amministrazione del sistema di sicurezza sociale, ma la richiesta di esenzione del ministro non si basa su questi problemi. Una volta che l’IRS approva l’esenzione, è irrevocabile. Ciò richiede che il ministro consideri seriamente la sua convinzione sull’assistenza governativa.

Per richiedere l’esenzione, il ministro deve presentare il modulo 4361, Domanda di esenzione dalla tassa di lavoro autonomo per l’uso da parte del ministro, membri di ordini religiosi e professionisti della scienza cristiana, con l’IRS e ricevere l’approvazione IRS.,31 Il termine ultimo per richiedere l’esenzione è la data di scadenza (comprese le estensioni) della dichiarazione dei redditi per il secondo anno in cui il ministero riporta almeno $400 in guadagni netti da lavoro autonomo. Requisiti dettagliati per richiedere questa esenzione possono essere trovati in Regs. Sec. 1.1402(e) e le istruzioni per il modulo 4361.

Classificazione come dipendenti o appaltatori indipendenti

La maggior parte dei ministri sono classificati come dipendenti per la dichiarazione federale delle imposte sul reddito sulla base di test stabiliti dall’IRS e dai tribunali. L’entità del controllo da parte del datore di lavoro determina la classificazione del ministro., Poiché la maggior parte dei datori di lavoro ha il diritto di designare il modo in cui il ministro svolge il proprio lavoro, incluso quando e dove viene svolto il lavoro, i ministri hanno maggiori probabilità di essere classificati come dipendenti.

Questi ministri ricevono il modulo W-2 e riportano il loro reddito lordo imponibile come dipendenti. Tuttavia, lo status del ministro come lavoratore autonomo ai fini fiscali della sicurezza sociale entra in gioco qui. Dal momento che sono considerati lavoratori autonomi, i ministri sono esenti dalla ritenuta fiscale federale sul reddito.32 Tuttavia, i ministri possono chiedere ai loro datori di lavoro di trattenere le tasse.,33 Questo approccio può essere più semplice che effettuare pagamenti trimestrali stimati. I ministri possono trattenere a un tasso più elevato per coprire sia le tasse sul reddito che quelle sul lavoro autonomo.

Conclusione

Le norme fiscali applicabili ai ministri rappresentano una sfida per i datori di lavoro che cercano di rispettare la legge fiscale in questo settore. La prima sfida è determinare coloro che soddisfano la definizione di un ministro sotto Sec.107. Il secondo è l’applicazione di un insieme unico di regole a coloro che si qualificano come ministri. Affrontare questi problemi prima della fine dell’anno è il modo migliore per evitare le potenziali insidie.,

Coloro che servono come consulenti fiscali personali per i ministri dovrebbero anche essere consapevoli delle questioni fiscali uniche. Questi consulenti hanno l’opportunità di migliorare la conformità e di aiutare i loro clienti a trarre vantaggio dai benefici fiscali offerti ai ministri. C’è anche l’opportunità per i consulenti fiscali che hanno familiarità con queste regole per espandere la loro pratica, assistendo i datori di lavoro che non hanno esperienza in questo settore.

Note dell’editore

Paul Schloemer è professore al Dauch College of Business and Economics presso la Ashland University di Ashland, OH. Per ulteriori informazioni su questo articolo, si prega di contattare il Prof., Schloemer a [email protected] ashland.edu.

Note

1 Il termine “ministro” sarà usato in questo articolo per riferirsi a coloro che si qualificano come “ministri del Vangelo” sotto Sec. 107.

2 Reg. Articolo 1.1402, lettere c)-5, lettera b), punto 2).

3 Ad esempio, vedere le sentenze della lettera IRS 8004046 (30/10/79) e 8138184 (29/6/81).

4 Reg. Sezione 1.1402, lettere c) -5, lettera b), punto 2), punto iii).

5 Reg. Cfr. punto 1.1402, lettera c), -5, lettera c), punto 2.

6 Reg. Sezione 1.1402, lettere c)-5, lettera b), punto 2), punto iv).

7 Reg. Articolo 1.1402, lettere c)-5, lettera b), punto 2), punto v).

8 Cavaliere, 92 TC 199 (1989).

9 Wingo, 89 TC 911 (1987).,

10 IRS, Programma di specializzazione del segmento di mercato: Ministri (aprile 1995).

11 IRS Pubblicazione 1828, Guida fiscale per le chiese e le organizzazioni religiose (2008). Il glossario della pubblicazione dice semplicemente: “Come si usa in questo opuscolo, il termine ministro indica i membri del clero di tutte le religioni e confessioni. . . .”

12 Rev. Proc. 2006-3, 2006-1 I. R. B. 122.

13 Haimowitz, T. C. Memo. 1997-40.

14 Brannon, TC Memo. 1999-370.

15 Rev. Rul. 63-90, 1963-1 C. B. 27, e IRS Lettera Sentenza 7833017 (5/16/78).

16 Colbert, 61 TC 449 (1974).,

17 IRS Sentenza lettera 9144047 (6/3/91).

18 IRS Sentenza lettera 8646018 (8/14/86).

19 IRS Sentenza lettera 200318002 (1/7/03).

20 IRS Sentenza lettera 9126048 (4/2/91).

21 Le organizzazioni Parachurch sono organizzazioni religiose che operano al di fuori di una particolare denominazione.

22 Boyd, TC Memo. 1981-528.

23 Rev. Rul. 71-258, 1971-1 C. B. 283.

24 IRS Sentenza lettera 8004046 (10/30/79).

25 IRS Sentenza lettera 8138184 (6/29/81).

26 IRS Sentenza lettera 8519004 (1/28/85).

27 Mosley, T. C. Memo. 1994-457.,

28 Whittington, TC Memo. 2000-296.

29 Clergy Housing Allowance Clarification Act del 2002, P. L. 107-181, §2 (a).

31 I membri degli ordini religiosi che hanno fatto voto di povertà sono automaticamente esenti e non devono presentare il modulo 4361.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *